vorrei respirare ancora un po' di nuvole.........

vorrei respirare ancora un po' di nuvole.........

venerdì 1 giugno 2012

Di estate dispersa, terremoti e blob



Estate dispersa perchè con questo tempo fan fatica a maturare pure le fragole. Abbiamo fatto il nostro primo raccolto, ma la maggior parte delle nostre fragole resta verdina, colpa di questo sole che non si decide a splendere per più di un giorno di seguito...Così, per farle maturare, abbiamo usato il buon vecchio e saggio metodo della nonna: una giornata nella ciotola della frutta in compagnia di una mela matura. E son diventate tutte rosse e profumatissime!

L'altro ieri si stava bene fuori in veranda, finalmente un po' di sole, una brezza leggera e tiepida, i ragazzi a studiare, la tata impegnata col Didò e io a ricamare. Cielo finalmente sgombro di nuvole anche la sera, tanto che abbiamo tranquillamente lasciato i cuscini sulle sedie. E invece alle 5 di mattina, qualche lampo, un paio di tuoni fragorosi e pioggia. Gocce grosse, pesanti, che cadevano dovunque grazie ad un ventaccio che manco in novembre...per cui, alzati, corri fuori in camicia da notte e porta dentro tutti i cuscini, datti un'asciugatina e torna a nanna.
Ma niente nanna, anche se siamo lontani sentiamo fin troppo bene la terra che trema.

Lunedì avevo appena lasciato la tata all'asilo, ero salita in macchina e passandoci davanti,  ho visto i bimbi delle elementari schizzare fuori da scuola e andare in mezzo al cortile.
Poi a casa, dopo aver acceso il pc ho realizzato cosa era successo. Ho pensato di starmene buona buona a casa e non fare la mamma apprensiva precipitandomi alle medie dei ragazzi.
Però ho preparato una sacca con un cambio per tutti e due-tre cose essenziali, che non si sa mai.

E alle 12.56, dopo una mattina di scossette di varia entità, eccone un'altra di grossa. Credo di aver avuto lo stesso pensiero di tutti i genitori "Cazzo i miei figli..." (magari qualcuno sarà stato meno scurrile di me, ecco, ma a me quello è venuto in mente...), poi ho pensato che dopo 10 minuti avrebbero finito scuola e sarebbero tornati con lo scuolabus.

Un solllievo vedere le loro faccine, e un magone immenso a sentire della compagna svenuta, di quelli che si sono sentiti male, della prof un po' in là con gli annni che per problemi di schiena non riusciva a chinarsi per andare sotto la cattedra, delle crepe che han visto correre lungo i muri.
Poi ho fatto la mamma ansiosa e ho chiamato mia cognata che lavora all'asilo per sapere se andava tutto bene: le maestre avevano portato i bimbi fuori a giocare ed era tutto a posto.

Siamo lontani e si continua a ballare, di giorno e di notte. Il mio pensiero va costantemente a quelli che vivono in mezzo alle macerie, che han perso tutto. E mi pare stupido star qua a parlare di fili e ricami...vorrei poter andare a dare una mano...e penso a quanto siamo piccoli e a quanto poco ci vuole per diventare polvere.
Non mi riesce di parlare di cose allegre...dopo ieri poi, che ho avuto la conferma di un nuovo simpatico blob da levare, anzi, tre...speravo che i blob facessero la loro ricomparsa più avanti, non solo dopo un anno e mezzo. Ma vabbè, non mi sto a lamentare troppo che c'è chi sta peggio...
Intanto pensiamo che domani è un altro giorno, che è vacanza e staremo tutti a casa assieme, che cominceremo a ripulire la piscina e che dobbiamo legare i pomodori cresciuti nell'orto, che devo tosare un po' la nostra cagnolina e che ci sono i fiori da potare...ecco. Rossella docet.

Buon fine settimana a tutte :-)



17 commenti:

  1. Mi spiace per i blob. Spero che ti facciano penare meno dell'altro.
    Per il terremoto e l'ansia e la paura ti capisco, qui c'è toccata qualche anno fa e ancora non riesco a pensarci. Purtroppo non si può fare molto.
    Baci
    C.
    PS: la cosa della mela che fa maturare non la sapevo mica, fico!

    RispondiElimina
  2. spero con tutto il cuore ,che questo finisca,fatti forza carissima.un bacione

    RispondiElimina
  3. ...mi dispiace che ti siano ricomparsi i blob, porca miseria!!...Un abbraccio forte!
    ps:....almeno tu qualche fragola l'hai raccolta....Le mie le ha mangiate tutte la Anna direttamente dalle piantine e ovviamente verdi!! Non me ne è rimasta nemmeno una! :-( E io che volevo fare una marmellata....uff!

    RispondiElimina
  4. Un abbraccio grande grande e vedrai che tutto andrà per il meglio!
    Un bacione
    Berk

    RispondiElimina
  5. Tesoro passerà anche questo, vedrai. La tua forza e la tua positività ti saranno di aiuto, il tuo grande cuore e la tua sensibilità otterranno la ricompensa che meritano, deve essere cosi'!!! Ti sono vicina con il cuore, con la mente e con le mie preghiere, sono pronta a riceverti a braccia a aperte in ogni momento e spero tanto di riabbracciarti presto! Bacioni

    RispondiElimina
  6. mamma mia che ansia deve essere... mia mamma si è incazzata xk giovedi sono dovuta andare a reggio emilia x lavoro (io son di lodi)... quindi te che hai figli piccoli immagino.. spero passi presto xk di sfighe qst anno ce ne son state abbastanza.... un bacio a tutti e 4.... ps io in giardino ho metà delle cose morte causa gelo quindi le fragole ... figuriamoci

    RispondiElimina
  7. Condivido tutto...ansia, paura e tristezza per il terremoto in primis...ma non so cosa sono i blob...magari se mi vuoi delucidare...!
    Un abbraccio grande e speriamo che finiscano presto queste maledette scosse!
    Anna

    RispondiElimina
  8. Anch'io non so cosa sono i blob...però ho due figlie,e con loro c'è sempre ansia! e che buone le fragoleeee ciao lieta

    RispondiElimina
  9. Non sai quanto mi consola questo post... ne avevo scritto uno simile... mi consola che anche tu non abbia voluto cedere all'ansia di mamma... io ho ancora il senso di colpa per non essrmi precipitata a scuola di mia figlia!
    Ma più grande, incomparabile è il magone per le vittime e questi poveri malcapitati Emiliani!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. un bacio e un abraccio dal cuore di una mamma, che avrebbe avuto la tua reazione! un abraccio e vi sono vicina Valeria del blog un truciolo

    RispondiElimina
  11. Eh si quest'anno è un anno durissimo per le fragole. Non le coltivo, non ho né un orto né un giardino, solo un balcone molto fiorito, dove mi consento di coltivare anche le erbe aromatiche sempre necessarie in cucina.
    Posso immaginarmi la paura e l'ansia. Finirà mai questo periodo così tragico?
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  12. Cara amica, come ho già detto ad altre molti miei conoscenti stanno passando notti in auto. Con l'ultima scossa della scorsa settimana ero al supermercato e non ti dico cosa si è scatenato quando le bottiglie di vino e liquori sono cadute a terra. Mi sembrava di essere dentro una scena di un telegiornate in una di quelle zone al alto rischio sismico. La scuola di Nicolò è stata evacuata e anche l'Ufficio di mio marito. I danni sono notevoli in varie zone ma mai come in Emilia. Ma ora mi accorgo che anche qui la preoccupazione è piuttosto elevata. Teniamo duro. Ti abbraccio forte e dai tanti baci ai tuoi gioielli preziosissimi. Paola

    RispondiElimina
  13. Dura per le fragole e per tutto il resto. Racconti molto bene il sentire di tanti. Aspettiamo tempi migliori e speriamo arrivino in fretta. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Sai che io il rimedio delle mele che fanno maturare lo uso solo per i cachi? Non pensavo che avessero lo stesso effetto sulle fragole, buono a sapersi. Riguardo al terremoto, anch'io penso sempre a chi si trova là, qui da me di scosse se ne sono sentite poche e più leggere, eppure a volte ho paura anch'io. Ti faccio tanti auguri per tutto, blob compreso anche se non so cosa sia, ti devo poi ancora ringraziare per la graziosissima farfalla che ci hai regalato. Ciao, Patrizia.

    RispondiElimina
  15. Trovo questo post molto bello, soprattutto nell'ultima parte...
    Un abbraccio a chi vive nell'ansia.

    RispondiElimina